Třebíč

Nella verdissima Moravia occidentale si trova Třebíč, graziosa cittadina dove storia, natura e cultura si fondono

Sulle rive del fiume Jihlava nella regione della Moravia occidentale, una delle zone più verdi della Repubblica Ceca, sorge la pittoresca città di Třebíč.

Le origini della città sono legate alla costruzione di un monastero benedettino nel 1101 e tracce di questa tradizione millenaria sono evidenti in molti angoli, ma Třebíč è nota soprattutto per lo splendido quartiere ebraico, uno dei meglio conservati al mondo, che insieme all’antico cimitero e alla Basilica di San Procopio è stato dichiarato patrimonio dell’Umanità Unesco.

Quartiere e cimitero ebraico

Il quartiere ebraico di Třebíč è uno dei più grandi d’Europa conservatisi fino a oggi e rappresenta un’importantissima testimonianza storica.

Il ghetto si sviluppò a partire dal dodicesimo secolo e per centinaia di anni gli ebrei di Třebíč vissero sulla riva sinistra del fiume, senza mai entrare in conflitto con i vicini  cristiani. Fu solo con la Seconda Guerra Mondiale e le deportazioni che ebbe fine la pacifica quotidianità del quartiere ebraico: tutti i suoi abitanti furono sterminati.

Oggi in questo quartiere caratterizzato da viuzze strettissime sono concentrate 123 case in diversi stili architettonici ancora ben conservate, due sinagoghe, un municipio, la casa del rabbino e l’ospizio dei poveri, una scuola e un ospedale. Il cimitero si trova a nord del quartiere ebraico e conta oltre 4000 tombe.

Altre attrazioni

La magnifica Basilica di San Procopio combina in maniera davvero unica lo stile gotico e quello romanico. Situata su una collina ad ovest del quartiere ebraico, la basilica è una testimonianza della convivenza pacifica di cristiani ed ebrei dal medioevo al XX secolo.

Costruita all’inizio del tredicesimo secolo da re Venceslao I di Boemia come parte di un monastero benedettino, la basilica è un’eccezionale testimonianza dell’influenza dell’architettura occidentale in questa regione.

Il cuore del centro cittadino è Piazza Carlo, dove potete ammirare il gruppo scultoreo di San Cirillo del 1885, il municipio risalente al 1227 e Porta Jihlava detta anche porta del Monastero, oltre alle bellissime facciate degli edifici. Sono invece state rimosse le tre fontane con statue di San Floriano, San Sebastiano e San Venceslao; le statue che adornavano le fontane si trovano ora in punti diversi della città.

La piazza è ancora oggi un punto di ritrovo abituale per gli abitanti di Třebíč e qui vengono frequentemente organizzati fiere, festival, mercati ed altri eventi.

Natura e sport

La sua collocazione in una delle zone più “green”, ovvero meno inquinate della Repubblica Ceca, rende Třebíč una meta ideale per chi desidera una vacanza attiva immersa nella natura. Numerosi sono i sentieri escursionistici e cicloturistici in zona: i km di percorsi a piedi segnalati sono ben 524,5 km, abbastanza da tenervi impegnati per settimane!

Se non vi sentite particolarmente sportivi ma volete semplicemente sgranchirvi le gambe potete fare passeggiate nei parchi cittadini e nelle foreste nei dintorni.

A chi vuole godere delle bellezze naturalistiche della regione senza fare alcuna fatica consigliamo una crociera sul fiume.

Come raggiungere Třebíč da Praga

Non esistono treni diretti da Praga a Třebíč  e il viaggio dura più di quattro ore, con almeno un cambio. Più veloce il bus, in partenza dalla stazione Florenc di Praga. In auto calcolate circa due ore.

Mappa

Alloggi Třebíč

Cerchi un alloggio a Třebíč?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili a Třebíč
Mostrami i prezzi