Monastero di Strahov

Il centenario Monastero di Strahov è uno dei gioielli nascosti di Praga, con un'importante collezione di manoscritti e di preziose opere d'arte

Forse non è tra le attrazioni più famose di Praga ma il Monastero di Strahov (Strahovský klášter in ceco), situato tra la collina di Petrin e il quartiere del Castello di Praga, merita assolutamente una visita. Sale riccamente decorate, preziose opere d’arte, manoscritti medioevali, mappe e mappamondi, oggetti curiosi ed eleganti torri sono gli inestimabili tesori nascosti all’interno di questo importante complesso religioso.

Le sue meravigliose sale, in particolare la sala filosofica, sono state visitate nei secoli da innumerevoli celebrità, tra cui l’ammiraglio Orazio Nelson e la principessa austriaca Maria Luisa, moglie di Napoleone Bonaparte. Date un’occhiata al registro delle visite per sapere se qualche VIP di vostro interesse è passato di qua!

Anche voi potreste aver già visto queste sale: sono infatti state usate come set cinematografico per celebri film hollywoodiani come “La vera storia di Jack lo squartatore” e “Casino Royale”. Se è vero che l’ambientazione cinematografica ha reso un giusto omaggio alla bellezza di questi luoghi senza tempo, vi assicuriamo che vederle dal vivo fa tutto un altro effetto. Da non perdere.

Un po’ di storia

Il complesso religioso del Monastero di Strahov dell’ordine dei Premostratensi fu fondato nel 1140 per volontà di Vladislao II, re di Boemia, che lo dedicò all’Assunzione della Beata Vergine Maria.

L’abbazia originaria in stile gotico e rinascimentale fu ricostruita in stile barocco nel Settecento. Gli edifici vennero usati come monastero fino all’epoca comunista, quando il governo chiuse i conventi e imprigionò i monaci, che poterono tornare a Strahov solo nel 1990.

Oggi all’interno del complesso si trovano una biblioteca, una pinacoteca e la Chiesa dell’Assunzione della Vergine Maria.

Biblioteca di Strahov

La biblioteca di Strahov è senza dubbio il pezzo forte della visita al monastero. Indubbiamente una delle più belle biblioteche al mondo, è la più grande biblioteca monastica della Repubblica Ceca con un’impressionante collezione che conta oltre 200.000 libri, di cui 3000 manoscritti.

Sala filosofica

La Sala filosofica è una stupenda sala classicista decorata da affreschi, tra cui spicca quello grandioso raffigurante la ricerca della saggezza da parte dell’umanità.

Sala Teologica

Più piccola e più antica della Sala filosofica, la Sala teologica risale al 1679 ed ha pareti decorate di stucchi e altri ornamenti. Su una delle pareti si può leggere l’iscrizione in latino “Initio sapientiae timor domini” (l’inizio della saggezza è il timore di Dio).

Gabinetto delle Curiosità

Il gabinetto delle curiosità è esattamente ciò che dice il nome: una bizzarra collezione di oggetti che sembrano aver poco in comune. Squali ed altri animali imbalsamati dividono lo spazio con oggetti antichi, di cui il più famoso è il servizio da caffè in miniatura realizzato per l’imperatrice Maria Luisa d’Asburgo  nel 1813.

Pinacoteca

La Pinacoteca di Strahov è una delle più importanti collezioni del Centro Europa di pitture gotiche, opere d’arte dell’epoca di Rodolfo II e dipinti barocchi e rococò.

Visita al Monastero di Strahov

Il Monastero di Strahov si raggiunge facilmente dal centro con il tram n.22, fermata consigliata Pohořelec. Chi arriva in auto dovrà lasciarla in uno dei parcheggi esterni al monastero.

Non esiste un unico biglietto d’ingresso per il monastero di Strahov, occorre acquistare separatamente il biglietto per la pinacoteca e quello per la biblioteca.

Mappa

Alloggi Monastero di Strahov

Cerchi un alloggio in zona Monastero di Strahov?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Monastero di Strahov
Mostrami i prezzi