Moldava, il fiume di Praga

Sotto lo storico Ponte Carlo di Praga scorre la Moldava, il fiume più lungo della Repubblica Ceca reso celebre da un poema sinfonico dell'Ottocento

Come altre importanti capitali europee, anche Praga è attraversata da un fiume che divide in due la città: la Moldava o Vltava in ceco. È il fiume di Praga ma anche il fiume più lungo della Repubblica Ceca: nasce nella selva boema e confluisce nel fiume Elba dopo aver attraversato importanti città come Český Krumlov e Budějovice. A Praga il fiume scorre sotto uno dei simboli nazionali, lo storico Ponte Carlo costruito nel Trecento e oggi affollatissimo a tutte le ore del giorno.

Il compositore ceco Bedrich Smetana dedicò al fiume Moldava un poema sinfonico che ha per titolo il nome del fiume ed è insieme una vivida descrizione dell’incedere dell’acqua, un inno alla natura e una dichiarazione d’amore alla patria. La celeberrima melodia-ritornello che ha reso “Moldava” famoso in tutto il mondo trae ispirazione da un antico canto di pellegrini e vuole evocare l’idea dello scorrere del fiume come un cammino verso una meta.

Numerosi sono gli operatori turistici che offrono crociere sulla Moldava, di una o più ore, anche con cena o accompagnamento musicale jazz. È un’esperienza affascinante da fare perché questi tour vi consentono di ammirare la capitale da una prospettiva diversa e di abbandonarvi alla magia del fiume.

Anche fuori Praga è possibile partecipare a tour in battello sul fiume, mentre i cicloturisti possono ammirare la Moldava percorrendo una lunga pista ciclabile di 400 km, quasi interamente lungo il fiume, su un facile terreno perlopiù pianeggiante o in discesa.