Gesù Bambino di Praga

Il Gesù Bambino di Praga è un'opera del XVII secolo che si trova conservata all'interno della Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa ed è meta di fedeli cristiani da tutto il mondo.

La statua del Gesù Bambino di Praga si trova all’interno della Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa nel Quartiere Piccolo (Malá Strana) della città ed è una delle mete di pellegrinaggio più famose di tutta la Repubblica Ceca. Le origini di questo edificio religioso risalgono al XVII secolo quando qui era stata costruita dai luterani una chiesa dedicata nel 1613 alla Santissima Trinità.

Qualche anno dopo l’imperatore Ferdinando II ottenuta la vittoria nella battaglia della Montagna Bianca, durante la Guerra dei Trent’anni, decise di dare in dono la chiesa dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi e così l’edificio è stato intitolato alla Maria Vergine Vittoriosa in segno di ringraziamento per il trionfo ottenuto.

A metà Seicento la chiesa è stata così interamente ricostruita dai Carmelitani Scalzi che apportarono modifiche specialmente alla facciata esterna e fecero costruire la torre del campanile. Nel 1628 la chiesa si è arricchita della presenza della statua lignea del Bambin Gesù che è stata donata dalla principessa Polyxena di Lobkowicz che l’aveva ricevuta come dono di nozze dalla madre María Manrique de Lara.

Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa

All’interno a lato dell’ingresso principale si trovano due cappelle: la Cappella di Nostra Signora e la Cappella di Santa Croce, che un tempo era l’area che ospitava la statua del Bambin Gesù. La navata principale è poi circondata da diversi altari in stile barocco e da un pulpito sul cui tetto si trovano le statue dei profeti Elia ed Eliseo.

Al centro della navata principale si trova l’altare realizzato nel 1776 che ospita la statua di Gesù Bambino all’interno di una teca di vetro circondata dalle statue della Madonna e di San Giuseppe. Proseguendo si giunge all’altare maggiore che è stato costruito nel 1717 e davanti al quale si trovano le statue di S. Teresa di Gesù, di S. Giovanni della Croce e dei profeti Elia ed Eliseo. In alto c’è una rappresentazione dell’intercessione che la Vergine Maria avrebbe compiuto durante la Battaglia della Montagna Bianca del 1620 permettendo così alla lega cattolica di vincere.

Statua del Gesù Bambino

La famosa statua lignea del Gesù Bambino che è circondata da due statuette della Vergine Maria e di San Giuseppe è l’opera che rende maggiormente famosa la chiesa. Il Bambin Gesù è stato rappresentato con una mano destra alzata in segno di benedizione e con la mano sinistra che sostiene una sfera dorata con una croce. Custodita all’interno di una teca di vetro e argento realizzata a metà Settecento, la statua è meta di pellegrinaggi di fedeli da ogni parte del mondo sin dal XVII secolo.

L’opera, infatti, è stata realizzata in Spagna da un autore non conosciuto ed era stata donata da María Manrique de Lara alla figlia Polyxena che sposò Zdeněk Popel di Lobkowicz. Secondo la tradizione il Bambin Gesù sarebbe dovuto essere tramandato alla figlia femmina della famiglia ma Polyxena avendo avuto solo un maschio lasciò la statuetta in dono ai Carmelitani. Da quel momento su questa statua iniziarono a circolare delle voci riguardo a miracoli fatti che avrebbero risparmiato la chiesa e l’attiguo monastero da saccheggi, epidemie e devastazioni.

La statua vanta ben tre corone e un corredo formato da 46 vestitini che vengono cambiati una decina di volte durante l’anno in base al periodo liturgico; così, ad esempio, per le celebrazioni di Natale e Pasqua il vestito è bianco, durante la Quaresima e l’Avvento è viola, mentre il colore rosso è indicato per la Settimana Santa e la Pentecoste. Il processo di vestizione del Gesù Bambino viene realizzato dalle Suore Carmelitane che seguono un rigido protocollo.

Il corredo in dotazione è esposto presso un piccolo museo allestito vicino alla navata laterale che custodisce tutti i vestitini come quelli provenienti dall’estero (ad esempio da Vietnam e Cina) e quelli donati da sovrani di altre nazioni. Tra gli oggetti più famosi c’è la veste donata dall’imperatrice Maria Teresa, quella regalata da Paolo Coelho e una delle tre corone che è stata offerta al Bambin Gesù da papa Benedetto XVI nel 2009.

Orari di visita della Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa

La Chiesa di Nostra Signora Vittoriosa è aperta con il seguente orario:

Il Museo della Chiesa è aperto

Come raggiungere la Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa

È possibile raggiungere la Chiesa tramite le linee numero 12, 15, 20, 22, 23 del Tram fino alla fermata “Hellichova”. In alternativa chi vuole arrivare a piedi dalla zona della Città Vecchia deve percorrere il Ponte San Carlo e poi seguire le indicazioni verso il giardino di Petrin.

Informazioni utili

Indirizzo

Karmelitská 9, 118 00 Praha 1, Cechia

Contatti

TEL: +420 257 533 646

Orari

  • Lunedì: 08:30 - 18:00
  • Martedì: 08:30 - 18:00
  • Mercoledì: 08:30 - 18:00
  • Giovedì: 08:30 - 18:00
  • Venerdì: 08:30 - 18:00
  • Sabato: 08:30 - 18:00
  • Domenica: 08:30 - 20:00

Trasporti

Fermate Bus

  • Valdstejnske namesti (519 mt)

Dove si trova Gesù Bambino di Praga

La Chiesa di Maria Vergine Vittoriosa si trova nel centro storico di Praga nella zona nota come Quartiere Piccolo (Malá Strana).

Alloggi Gesù Bambino di Praga
Cerchi un alloggio in zona Gesù Bambino di Praga?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Gesù Bambino di Praga
Verifica disponibilità

Come risparmiare su trasporti e biglietti d'ingresso

Le City Card permettono di risparmiare sui mezzi pubblici e/o sugli ingressi delle principali attrazioni turistiche.

Praga: Prague CoolPass con accesso a oltre 70 attrazioni
Praga: Prague CoolPass con accesso a oltre 70 attrazioni
Risparmia con un pass fino a 6 giorni comprensivo di 1 giro in autobus panoramico e 2 crociere fluviali. Visita oltre 70 attrazioni, come il castello di Praga e il Museo Ebraico, e approfitta di offerte speciali su tour, intrattenimento, cibo e shopping.
Acquista da 55,00 €

Attrazioni nei dintorni